Gli effetti della chemioterapia sulla pelle

La pelle è il più grande organo del corpo ed è responsabile non solo per proteggere il corpo e gli altri organi dai danni e infezioni, ma anche la regolazione della temperatura, smaltimento dei rifiuti, fornire il senso del tatto e la produzione di vitamina D. La pelle è effettuata da ciò che mangiamo e beviamo, i nostri effetti di età, attività fisica, malattia e collaterali dei farmaci. La chemioterapia è l'uso di farmaci per distruggere le cellule tumorali. Questi farmaci sono molto potenti, e anche se bersaglio le cellule tumorali, possono anche causare effetti collaterali di parti sane del corpo, compresa la pelle.

Pelle Itchy and Dry

Alcuni farmaci chemioterapici possono causare la pelle a diventare secca, squamosa o addirittura incrinato. Questo accade perché gli oli essenziali e l'umidità sono esaurite dagli agenti chemioterapici. Un altro fattore che può causare la pelle secca è la disidratazione, una condizione in cui il corpo non ha abbastanza acqua. Quando il corpo diventa disidratato la pelle diventa secca. Nel prendere la chemioterapia, assicuratevi di bere molti liquidi per prevenire la disidratazione e conseguenti problemi di pelle.

Sindrome plantare-Palmar

Molti farmaci chemioterapici possono causare arrossamento e desquamazione della pelle sul palmo delle mani e sulle piante dei piedi, con conseguente sindrome plantare-palmare. Questa sindrome può anche causare intorpidimento e formicolio sensazioni così come il dolore e la pelle secca. Assunzione di vitamina B6 può contribuire ad alleviare questi sintomi di disagio.

Iperpigmentazione

Iperpigmentazione è l'oscuramento della pelle, o in una zona localizzata o pelle complessiva. A volte l'oscuramento della pelle avviene in risposta all'esposizione al sole o alla luce. Alcuni agenti chemioterapici, tra cui fluorouracile e vinorelbina, vengono somministrati per via endovenosa e causano le vene delle braccia a scurire. La maggior parte che l'esperienza iperpigmentazione vedere scolorimento in prossimità di zone di pressione, come in caso di applicazione del nastro o medicazioni.

Eruzioni cutanee e acne

Un rash è una reazione cutanea generalizzata spesso causata da farmaci. La maggior parte delle eruzioni cutanee indotte da farmaci iniziano sul tronco del corpo, ma possono estendersi alle estremità. Queste eruzioni sono solitamente descritti come macularpapular, senso vi è una zona pianeggiante rosso che è coperto di piccole protuberanze. Questi dossi, o pustole, sembrano simili ad acne. Evitare di graffiare la pelle prurito ed eruzioni cutanee. Lenire la pelle applicando lozione calamina, o preparare una pasta di amido di mais e acqua e strofinare sulle zone colpite. Se l'eruzione cutanea o prurito diventa peggiore o dura per un tempo prolungato, consultare il proprio medico per ottenere adeguate opzioni di trattamento.

Prevenzione

Per ridurre o prevenire le irritazioni della pelle dovute alla chemioterapia non fare il bagno in acqua calda, come l'acqua calda ha un effetto disidratante sulla pelle. Evitare di nuoto nelle piscine. Il cloro può peggiorare e causare eruzioni cutanee più secchezza. Applicare schermo solare ogni giorno, anche se la spesa brevi periodi di tempo al sole. Anche piccole quantità di esposizione al sole può seccare la pelle, trattamenti di chemioterapia e rendere la pelle più vulnerabile a bruciare dai raggi UV.
Per evitare irritazioni cutanee supplementare, non indossare indumenti graffiante o vestiti stretti che possono causare sudorazione. Indossare vestiti larghi, comodi e morbidi per aiutare a mantenere la pelle sana dopo trattamenti chemioterapici.