Chemioterapia permanenti Effetti collaterali

La chemioterapia, la consegna di farmaci per uccidere le cellule tumorali, provoca molti effetti collaterali indesiderati. La maggior parte degli effetti collaterali come nausea, affaticamento e perdita di capelli sono non in pericolo di vita e risolvere una volta trattamenti sono finiti. Ci sono alcuni effetti collaterali, tuttavia, che può essere permanente. Ecco perché le vostre opzioni di trattamento dovrebbero essere discussi a fondo con il medico.

Perdita di massa ossea

Donne in pre-menopausa possono sperimentare una perdita di densità ossea, simile a quello che si verifica durante la menopausa. Le ovaie producono ormoni che aiutano a mantenere forti le ossa. Alcuni tipi di chemioterapia possono influenzare questo la produzione di ormoni, mettendo le ossa a rischio di sviluppare l'osteoporosi, o di assottigliamento delle ossa. Anche se i livelli di ormone possono ritornare alla normalità dopo i trattamenti, la densità ossea non può essere restituito al livello normale.

Danni cardiaci

Alcuni farmaci chemioterapici possono danneggiare il muscolo cardiaco rendendolo meno efficace nel pompare il sangue attraverso il corpo. Questa condizione può portare a un accumulo di liquido e portare ad insufficienza cardiaca congestizia. Segni di essere a conoscenza di includere gonfiore delle mani o dei piedi, mancanza di respiro, tosse secca e battito cardiaco irregolare.

Infertilità

Le cellule del sistema riproduttivo sono in rapida divisione, nel senso che sono vulnerabili a molti agenti chemioterapici. Per gli uomini, le parti del corpo che producono lo sperma e lo sperma si può essere influenzata in modo permanente da trattamenti di chemioterapia. A seconda del farmaco si sta per essere dato, il medico può consigliare che congelare alcuni dei vostri spermatozoi se si desidera procreare in futuro.
Per le donne, le ovaie possono essere danneggiati in modo permanente dalla chemioterapia. Le ovaie producono ormoni essenziali per la fertilità e il sesso in auto di una donna, il che significa che queste funzioni sono interessate. Soprattutto per le donne oltre 30 trattamenti che ricevono, la loro funzione ovarica non può tornare alla normalità dopo i trattamenti e la chemioterapia possono causare loro di sperimentare menopausa precoce.

Danni ai polmoni

Alcuni farmaci chemioterapici, come la bleomicina, possono causare danni ai polmoni. Coloro che fumano e quelli oltre i 70 anni sono a più alto rischio di danni permanenti ai polmoni. Danni ai polmoni può provocare mancanza di respiro, tosse secca e febbre. Se si nota un cambiamento nella respirazione, informare il medico come fermare trattamenti precedenti ai polmoni in via di sviluppo di tessuto cicatriziale può invertire il danno.

Perdita dell'udito

I farmaci chemioterapici, più comunemente cis-Platino, possono causare l'acufene, che è un rumore anomalo nell'orecchio. Anche se è spesso definito come una sensazione di "squillo" nell'orecchio, può anche essere un sibilo, fischio o ruggente suono. Non esiste un trattamento specifico per l'acufene e può portare alla perdita dell'udito.