Effetti tardivi neurocognitive di chemioterapia

Per molti bambini malati di cancro, la chemioterapia può essere un vero salvavita, o, può almeno prolungare la vita di un bambino. Tuttavia, la chemioterapia non è senza costi. Uno di questi è effetti tardivi - effetti collaterali della chemioterapia che si presentano dopo il trattamento, o non vanno via dopo il trattamento. Alcuni di questi effetti collaterali tardivi negativi influiscono sul sistema neurocognitivo.

Tipi di cancro in cui neurocognitivi effetti tardivi sono comunemente visto

Effetti tardivi neurocognitivi della chemioterapia si vedono più spesso in due tipi di cancro infantile: Leucemia linfoblastica acuta (ALL) o e tumori cerebrali infantili, come il medulloblastoma.

Perché neurocognitivi effetti tardivi sono visti in questi tumori

Dosi più elevate di radiazioni sono usati in chemioterapia per il trattamento di questi due tipi di tumori, forse rappresentano la più alta incidenza di neurocognitivi effetti tardivi si trovano in questi tumori.

Leucoencefalopatia

Uno degli effetti tardivi neurocognitivi trovati a Leucemia linfoblastica acuta (ALL) è leucoencefalopatia, o sostanza bianca anormale nel cervello. I sintomi di questo includono letargia, convulsioni, disartria, atassia e perdita di memoria.

Mineralizzante microangiopatia

Microangiopatia mineralizzante è un altro effetto collaterale neurocognitive tardi visto dopo il trattamento di ALL. Si tratta di calcificazione all'interno dei gangli della base e la sostanza bianca, evidente RM e TC. I sintomi includono problemi con le abilità motorie, la memoria, l'attenzione e la concentrazione.

Carenze Visto in sopravvissuti di tumori cerebrali

Molti bambini trattati per tumori cerebrali come il medulloblastoma emergono problemi con QI verbale, problemi di memoria e capacità motorie deficit spaziali. A seconda della sede del tumore, deficit variano.